AutunnoNel verde 

Autunno, tempo di foliage: le mete regione per regione

Negli ultimi anni sempre più persone si stanno appassionando a uno “sport” tutto autunnale: l’osservazione della graduale variazione cromatica delle foglie per questioni stagionali, in inglese: Fall Foliage – o solo Foliage, come comunemente detto. Ma non serve andare a Central Park a New York o nelle foreste del New England per poterlo ammirare. Anche in Italia abbiamo delle mete di tutto rispetto. Ecco una selezione regione per regione.

Boschi, foreste e oasi italiane

Abruzzo

Tra le varie mete possibili segnaliamo i sentieri panoramici della foresta di Lama Bianca, i faggi secolari del Bosco di Sant’Antonio e la “Valle Incantata” della Riserva Naturale Orientata Valle dell’Orfento, col fiume che scorre tra pareti di pietra bianca e un trionfo di colori sui rami di pioppi e aceri.

Basilicata

Il Parco Nazionale del Pollino regala tutti i colori di cui si tingono aceri, pini e faggi in autunno, oltre ai carpini, ontani e cerri del Bosco Magnano (San Severino Lucano). Nel pianificare l’escursione non trascurate il turismo enogastronomico, dal momento che in questa stagione non mancano gli eventi e le sagre alla scoperta delle specialità locali.

Calabria

Qualsiasi parco della Regione è una meta ideale in autunno:

  • il Parco nazionale della Sila che comprende una ventina di comuni delle province di Cosenza, Catanzaro e Crotone, offre i colori di aceri, pioppi, faggi e castagni. Per chi non vuole camminare a lungo e per le famiglie con figli piccoli, il Treno della Sila può essere una buona soluzione per godere dei colori facendo un’esperienza di viaggio decisamente insolita;
  • il Parco nazionale dell’Aspromonte, in provincia di Reggio Calabria, è una perla di biodiversità che non mancherà di stupire;
  • il Parco naturale delle Serre, nel territorio delle province di Vibo Valentia, Reggio Calabria e Catanzaro, offre castagni, faggi, pini, abeti bianchi, pioppi, salici, tassi, e una tappa ricca di fascino: l’eremo di Santa Maria.

Campania

Il Parco dei Monti Picentini, nella sua vastità, regala bellissimi boschi di castagni e una vegetazione rigogliosa.

Emilia Romagna

Da non perdere il Parco delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna recentemente insignito dall’Unesco. Ogni anno nel corso del mese di ottobre si svolge inoltre il Festival del Fall Foliage, appuntamento imperdibili per gli appassionati del tema. L’azienda di Promozione Turistica dell’Emilia Romagna nel suo interessante blog ha dedicato un articolo alle escursioni migliori, a cui rimandiamo per dettagli: FALL FOLIAGE #INEMILIAROMAGNA

Friuli-Venezia Giulia

  • Oasi Di Bordaglia, la più vasta della regione, con tappa al bellissimo lago omonimo di origine glaciale. Consigliato nei mesi di ottobre e novembre, ancor meglio se muniti di binocolo per non rinunciare agli avvistamenti di animali selvatici;
  • La Val Degano, che regala tutti i colori autunnali offerti dai faggi, oltre alla presenza di piccoli borghi e case in pietra che faranno vivere un’esperienza fuori dal tempo.

Lazio

  • il parco di San Liberato a Bracciano, dove circondati da castagni secolari si potranno ammirare aceri canadesi e ciliegi giapponesi, liquidambar e parrotie persiche;
  • la selva di Malano, nei pressi di Bomarzo, tra colori e storia etrusca.
  • il parco Marturanum a Barbarano Romano dove gli alberi fanno da quinte a tombe etrusche, cascate e antichi mulini.

Liguria

Oltre alle mete valide tutto l’anno e ricche di escursioni organizzate, come il Parco Nazionale delle Cinque Terre o il Parco Naturale Regionale dell’Aveto, ricordiamo:

  • Il Parco Beigua, che comprende un territorio che si estende nella città metropolitana di Genova e la provincia di Savona. Per il dettaglio degli itinerari rimandiamo al sito del bioparco: Autunno nel Beigua Geopark
  • Il Parco di Montemarcello-Magra-Vara, nella provincia della Spezia. Il dettaglio degli itinerari al link ufficiale: Il parco a piedi 
  • Il Parco Naturale Regionale dell’Antola, sito interamente nella città metropolitana di Genova, con un’imperdibile faggeta attorno al lago del Brugneto

Lombardia

  • In provincia di Bergamo troviamo il Parco Adda Nord, con affascinanti zone umide e una chicca ingegneristica: i navigli e le chiuse di Leonardo a Trezzo;
  • In provincia di Brescia la Foresta della Val di Scalve, ricca di tipologie di bosco e sentieri per goderne appieno.
  • In provincia di Como troviamo il Monte Generoso con le sue bellissime faggete;
  • Tra le province di Milano, Lodi e Pavia il Parco della Collina di San Colombano al Lambro, che regala vigne, boschi e prati affrontabili a piedi o in bicicletta;
  • In provincia di Lecco la Riserva Naturale del Lago di Sartirana, ricco di percorsi a prova di bambino che faranno la felicità degli appassionati di birdwatching;
  • In provincia di Sondrio troviamo la foresta regionale della valle dei Bagni di Masino, con abeti e faggi secolari da scoprire attraverso un circuito di sentieri e mulattiere;
  • In provincia di Mantova la Foresta della Carpaneta, un’area protetta rimboschita con piante autoctone e realizzata a partire dall’anno 2003 su terreni di proprietà di Regione Lombardia. Qui natura e mano dell’uomo si sposano per dare origine a molti percorsi tematici
  • In provincia di Pavia si trova Montesegale, un piccolo paesino circondato da fitti boschi e un interessante percorso a piedi che parte dal castello.

Marche

  • Riserva Naturale Regionale del Monte San Vicino e del Monte Canfaito
  • Parco Nazionale dei Monti Sibillini

Molise

Colli al Volturno, piccolo borgo che sorge su tre colline ricche di boschi. Un luogo perfetto per approfittare del Fall Foliage tra natura e storia.

Piemonte

  • Alta Val Sessera, Oasi Zegna, a Bielmonte, nel Bosco del Sorriso;
  • Le Langhe, tra vigneti, noccioleti, vallate
  • La ferrovia Vigezzina-Centovalli, tra Piemonte e Canton Ticino, viene presentata negli ultimi anni col nome di “Il treno del Foliage

Puglia

In provincia di Foggia, nel cuore del Gargano, troviamo la Foresta Umbra: i suoi boschi di faggi secolari, aceri e querce la rendono una meta incantata.

Sardegna

  • La Barbagia, dove si possono avere splendidi scorci a novembre/dicembre grazie ai castagneti delle campagne di Aritzo, Gadoni, Tonara, Belvì e Desulo;
  •  La foresta di Montarbu a Seui con i suoi lecci alternati ad aceri;
  •  Sulle rive del lago Flumendosa, a Villanova Strisaili, in Ogliastra, ci sono migliaia di roverelle plurisecolari.

Sicilia

  • Boschi del Cappelliere e della Ficuzza nel palermitano,
  • Monti Madonie, con le faggete di Piano Battaglia, Pizzo Carbonara e Monte dei Cervi,
  • Parco dei Nebrodi col Lago Biviere nella città metropolitana di Messina,
  • Riserva naturale orientata Bosco di Malabotta sui Monti Peloritani

Toscana

  • Parco nazionale delle Foreste Casentinesi, ricco di colori e suggestioni, con tappe interessanti come la cima del Monte Penna sopra la Foresta del Lama, l’Eremo di Camaldoli, la Foresta di Campigna e il Santuario della Verna.
  • Montagne della Garfagnana:
  • Monte Amiata, celebre vulcano spento circondato da interessanti borghi che offrono intrattenimenti (e buon cibo) nei mesi autunnali.

Trentino-Alto Adige

Il Trentino Alto Adige meriterebbe un articolo dedicato tante sono le possibili mete per apprezzare il foliage. Tra castagneti, boschi e foreste, cascate e laghi, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Iniziamo col dire che una passeggiata lungo l’Adige è già di per sé gratificante in questa stagione, già a partire da fine settembre. Alcune mete particolarmente suggestive sono il lago di Tovel nel Parco Naturale Adamello Brenta, i vigneti terrazzati in Val di Cembra (con possibile escursione dal lago Santo, passaggio sul Sentiero Europeo E5 fino al Passo Zise), il Parco Nazionale dello Stelvio con tappa alle Cascate del Saent. Ma la lista sarebbe molto più lunga.

Umbria

Attorno a Gubbio (Perugia), le distese di  distese di lecci, querce, cerri ci riportano al tempo della conversione di San Francesco.

Val d’Aosta

Nella Val d’Ayas, il lago Blu, circondato da sentieri che portano a boschi di conifere, di faggi e aceri.

Veneto

  • Bosco del Cansiglio, al confine col Friuli Venezia Giulia, con oltre 7.000 ettari di foreste di faggi e abeti rossi.
  • Altopiano di Asiago, che offre sul finire di ottobre addirittura un evento a tema: “Asiago Foliage”.
  • Parco Naturale Regionale della Lessinia, in provincia di Verona, che offre stimoli anche agli appassionati di paleontologia grazie al museo coi ritrovamenti che attestano la presenza, in quei luoghi, di un passato fatto di mare caldo, ricco di fauna e flora tropicali. Quale occasione migliore per una visita dell’esplosione di colore autunnale.

Pensi manchi una meta imperdibile al nostro elenco? Segnalalo nei commenti!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche...

Leave a Comment

Seguici su Facebook per non perderti i prossimi aggiornamenti: